La predisposizione della balbuzie

Nonostante gli studi e le varie teorie riguardo alle cause della balbuzie c’è ancora tanto da chiarire, alcuni fattori di predisposizione sono stati individuati ma rimane ancora tanto da scoprire per avere un quadro completo di cosa effettivamente le provoca.

Il rischio maggiore lo corrono i bambini nel cui nucleo famigliare è presente o è stato presente un parente affetto da disturbi dalla parola, purtroppo è stato verificato che esiste l’ereditarietà della malattia.
I maschi sono più predisposti e tendono a cronicizzare la balbuzie con un’incidenza da due a sei volte maggiore rispetto alle femmine. Il disturbo appare solitamente intorno ai due anni di età, ma il periodo più critico è stimabile intorno ai 5-6 anni esattamente quando i piccoli iniziano la scuola e il loro stato emotivo non regge il confronto con una quotidianità diversa e impegni più rigorosi.
La balbuzie aumenta in modo significativo in soggetti con deficit mentali e sindrome di Down causata prevalentemente dall’incapacità di apprendere e parlare in maniera fluente.
Un’altra causa che può portare un bambino alle balbuzie è l’oppressione dei genitori che con richieste di comportamenti molto rigidi e pretese di perfezione in ogni cosa che fanno incutono ansia e paure condizionando lo stato psicologico che potrà riflettersi esteriormente con il disturbo della parola.

Purtroppo ci sono genitori che inconsapevolmente sono la causa principale della balbuzie dei propri figli che intimoriti dalle pretese di mamma e papà vivono in uno stato di grande ansia in loro presenza.
In questi soggetti è possibile che il disturbo si acuisca o si smorzi secondo le situazioni. La paura di sbagliare li porterà a tartagliare in modo evidente, la tranquillità e la sicurezza attenueranno il disturbo facendoli parlare in modo quasi perfetto.
E’ importante che lo specialista individui l’esatta causa per risolvere il problema facendo una diagnosi ben formulata.
Capire la causa ed eliminarla aumenterà in modo esponenziale un’attenuazione del balbettio e in molti casi una risoluzione definitiva.